Yamaha P-515

  • anonimo
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12063
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 380  

10-07-18 12.07

@ losfogos
Suonano molto bene i gran-coda come gia' sapevo.
I fender-rhodes sono migliorati rispetto allo standard su questi piani ibridi casa-palco, ma come si puo' ascoltare bene dai medio-alti il suono e' falso: il fender-rhodes non suona certo cosi'.
E poi: perche' mettere ancora imitazioni dal suono orripilante del DX7? Non lo capiro' mai!
Il preset originale del DX aveva un suono molto piu' caldo, ed anche smanettando con gli operatori modulanti (ricordo le classiche modifiche sul 2, frequency-coarse e fine) si ottenevano suoni piu' o meno cristallini ma sempre molto musicali. Il suono della demo e' orribile, e' un FM piano disgraziatoemo
Cosa costa ai progettisti mettere su un DX piano decente? Mah
già avere due ottimi piani acustici in uno stage è grasso che cola emo
  • orange1978
  • Membro: Guru
  • Risp: 8436
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 539  

10-07-18 12.20

@ anonimo
già avere due ottimi piani acustici in uno stage è grasso che cola emo
bah due pianoforti acustici belli oramai sono presenti in ogni stage, dal cp4 al rd2000 al grandstage a clavia...non penso sia piu quello il problema.

peró sui piani casalinghi spesso fanno le cose a cazzo, kawai es8 per esempio é un ottimo compromesso, non costa molto ma ha una bella meccanica e pochi suoni ma tutti di buonissimo livello, non solo gli acustici che sono bellissmi ma anche gli elettrici se lavorati con amp simulator sono assolutamente utilizzabili per studiare e danno anche un po di soddisfazione sotto le dita.

secondo me oggi un pianoforte anche da casa non puo avere un solo suono di piano acustico e il resto essere uno schifo.
  • ROLL
  • Membro: Expert
  • Risp: 1449
  • Loc: Varese
  • Status:
  • Thanks: 41  

10-07-18 12.36

@ orange1978
bah due pianoforti acustici belli oramai sono presenti in ogni stage, dal cp4 al rd2000 al grandstage a clavia...non penso sia piu quello il problema.

peró sui piani casalinghi spesso fanno le cose a cazzo, kawai es8 per esempio é un ottimo compromesso, non costa molto ma ha una bella meccanica e pochi suoni ma tutti di buonissimo livello, non solo gli acustici che sono bellissmi ma anche gli elettrici se lavorati con amp simulator sono assolutamente utilizzabili per studiare e danno anche un po di soddisfazione sotto le dita.

secondo me oggi un pianoforte anche da casa non puo avere un solo suono di piano acustico e il resto essere uno schifo.
Confermo che l'ES8 è proprio un gran bel piano, suoni ottimi (elettrici compresi, pure l'hammond è "quasi" realistico!) e tastiera molto pianistica.
Certo, pesa un po' per scorrazzarlo in live, e probabilmente in contesti troppo rock si perderebbero pure le sfumature dei bei campioni di piano.
Fuori di casa l'ho solo usato per registrare in studio, dove appunto anche le sfumature possono essere colte; in live CP33 e chissenefrega
  • anonimo
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12063
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 380  

10-07-18 12.37

orange1978 ha scritto:
bah due pianoforti acustici belli oramai sono presenti in ogni stage


beh questa è una tu opinione, la realtà è che con i vst non c'è storia ma i costruttori continuano a rifilare queste minestre riscaldate per i polli
  • orange1978
  • Membro: Guru
  • Risp: 8436
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 539  

10-07-18 13.36

@ anonimo
orange1978 ha scritto:
bah due pianoforti acustici belli oramai sono presenti in ogni stage


beh questa è una tu opinione, la realtà è che con i vst non c'è storia ma i costruttori continuano a rifilare queste minestre riscaldate per i polli
ma vst o hardware c entra ben poco, la differenza tecnicamente non cé, la sola differenza é la quantitá di memoria, basterebbe che i pianoforti avessero una sorgente di memoria streaming di grande dimonesione come kronos o grandstage (ssd) o chiavetta usb ad alta velocitá, e il limite sarebbe solo la memoria fisica stessa.

pensa oramai ci sono chiavette veloci usb 3 anche 128 o 256 giga...e ci sono anche chiavette ne ha una un mio conoscente che dentro hanno un ssd da 64 o 128 giga, costano ancora tanto ma il prezzo a qst punto non potrá che migliorare nel tempo!

basterrebbe progettare uno stagepiano in cui tu scegli la tua chiavetta, a seconda delle esigenze, se vuoi tanta memoria o poca, poi ti scarichi i suoni che ti servono (magari a pagamento con un servizio fatto bene on line) in maniera simile a clavia e li metti nel pianoforte.

questo sarebbe intelligente, ma mentre appunto le nord hanno limiti fisici di memoria, qui la memoria la decidereresti tu, se ti basta un piano da 32 giga prendi una chiavetta da 32....vuoi mettere 6/7 pianoforti acustici, 10 elettrici, etc etc.....? compri una chiavetta da 128, spendi di piu ma perche ti serve piu memoria!

francamente non capisco perche non si possa fare, la tecnologia gia cé.

anche i vst sono una rapina caro jamm e molto di piu dell hardware a volte, compri native instrument e spendi 1000 euro, non fai gli aggiornamenti ogni tot anni e diventa inutilizzabile appena cambiano os, mentre un rd2000 o una cp4 in sostanza potrebbero funzionare anche per trent anni, finché non si rompe l'hardware dsp o mainboard, tanto che ci sono in giro roland rd 1000 perfettamente funzionanti e parliamo di roba anni 80 mentre é molto piu improbabile riuscire a far funzionare un sistema basato su vst di 15 anni fa come the grand 1.0 o plex....i vst diventano velocemente obsoleti e incompatibili con nuove releases, a volte il solo modo per usare vecchio software é prendere un computer vecchio usato, con tutti gli svantaggi del caso, oppure alcune applicazioni per win xp o 98 riesci a farle girare con delle patch su i nuovi os, ma magari poi sono instabili, cosa che nel live non é certo raccomandabile!
  • losfogos
  • Membro: Guru
  • Risp: 7304
  • Loc: Lecce
  • Status:
  • Thanks: 340  

10-07-18 14.55

orange1978 ha scritto:
non é facilissimo campionare fedelmente un fm piano per via delle numerose differenze che la dinamica controllando gli indici di modulazione va a creare sul timbro.


Lo possono fare, ma figurati, nel CP5 ci suono campionamenti di FM piano molto piu' convincenti, ne feci anche una demo su un pezzo dei Level 42. Il punto e' che lo fanno apposta, e questo lo abbiamo capito tutti.
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 15005
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 1380  

10-07-18 15.01

@ losfogos
orange1978 ha scritto:
non é facilissimo campionare fedelmente un fm piano per via delle numerose differenze che la dinamica controllando gli indici di modulazione va a creare sul timbro.


Lo possono fare, ma figurati, nel CP5 ci suono campionamenti di FM piano molto piu' convincenti, ne feci anche una demo su un pezzo dei Level 42. Il punto e' che lo fanno apposta, e questo lo abbiamo capito tutti.
emo
  • anonimo
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12063
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 380  

10-07-18 15.27

sul mio mac giro con il rav e questo li uso solo nelle situazioni dove voglio suoni al top (per il resto ci sono i suoni interni al NE5HP), entrambi girano su UVI quindi basta creare un salvataggio e assegnare due canali midi diversi da pilotare con la tastiera, costo totale dei due vst 250€ circa, per chi come me fa il pianista e non il tastierista con questi due suoni copre il 90/100% delle esigenze, per pilotarli uso un macbook air da 11 preso in offerta a 750€ (ora per lo stesso prezzo si trova quello da 13 con 8gb di ram), quindi con 1000€ ho mandato affanculo tutti i produttori di stage piano.
  • orange1978
  • Membro: Guru
  • Risp: 8436
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 539  

10-07-18 16.22

@ losfogos
orange1978 ha scritto:
non é facilissimo campionare fedelmente un fm piano per via delle numerose differenze che la dinamica controllando gli indici di modulazione va a creare sul timbro.


Lo possono fare, ma figurati, nel CP5 ci suono campionamenti di FM piano molto piu' convincenti, ne feci anche una demo su un pezzo dei Level 42. Il punto e' che lo fanno apposta, e questo lo abbiamo capito tutti.
indubbiamente ma tieni presente che il cp5 come fascia di prezzo é superiore al 515, era un cp1 ridotto e con suoni aggiuntivi.

inoltre nel cp1 i pianoforti fm non sono campionati, sono realizzati come chiaramente scritto sul manuale tramite una sintesi fm in realtime, sul cp5 non saprei.

volendo tutto si puo fare ma poi dipende anche da chi sponsorizza il progetto cioe la mente, perche ad esempio alcuni fm pianos nel cp300 secondo me erano meglio di quelli nel cp4 attuale, non saprei dirti perche ma é cosi, allora mi chiedo ma perche non usare i campioni nel database della casa? dalla sy 85 a oggi ci saranno delle forme d'onda belle da poter usare per quello scopo.

invece no, la stessa cosa spesso la fanno anche roland o korg, roland sopratutto nei pianoforti da casa a volte mette degli fm o altri suoni che fanno schifo, hai in casa forme d'onda belle dalla u220 a oggi, passando da jd800 a srjv e srx...che ci vuole a selezionare quelle10/12 forme d'onda e proporre un piano da casa che abbia SOLO suoni belli derivati da quelli che si possono trovare negli strumenti professionali da palco? eppure non lo fanno....non penso sia questione di memoria!
  • orange1978
  • Membro: Guru
  • Risp: 8436
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 539  

10-07-18 16.28

@ anonimo
sul mio mac giro con il rav e questo li uso solo nelle situazioni dove voglio suoni al top (per il resto ci sono i suoni interni al NE5HP), entrambi girano su UVI quindi basta creare un salvataggio e assegnare due canali midi diversi da pilotare con la tastiera, costo totale dei due vst 250€ circa, per chi come me fa il pianista e non il tastierista con questi due suoni copre il 90/100% delle esigenze, per pilotarli uso un macbook air da 11 preso in offerta a 750€ (ora per lo stesso prezzo si trova quello da 13 con 8gb di ram), quindi con 1000€ ho mandato affanculo tutti i produttori di stage piano.
se ti trovi bene...hai fatto bene!

vorrei prendere anche io un mac book air in offerta per registrare in studio, ho gia il retina con 512 ssd ma poi porto quasi sempre il buon vecchio mac book bianco con 4gb ram, va da dio.

solo che mi servirebbe almeno il disco da 256 perche ho parecchi giga di samples akai, peró nell attesa di un mac ancora piu potente vorrei prendermelo anche per ragioni di compatibilitá che non sto qui a spiegarti.

ci ficco sopra cubase pro 9.5, reason 10 e logic pro x....e ho finito.
  • Franchigno
  • Membro: Guest
  • Risp: 117
  • Loc: Trieste
  • Status:
  • Thanks: 0  

14-09-18 16.13

@ maxpiano69
vin_roma ha scritto:
una tastiera probabilmente solida e sicura e forse totalmente in legno (così dicono).


(dalle specifiche del P515]
NWX (Natural Wood X) keyboard: wooden keys (white only), synthetic ebony and ivory keytops, escapement

(da quelle del CP4)
Natural Wood Graded Hammer (NW-GH) keyboard with Synthetic Ivory Keytops (with real-wood white keys)

per la serie “trova le differenze” emo

Leggendo le caratteristiche al volo, peró, forse la differenza é che quella del 515 ha anche la simulazione dello scappamento, che non leggo sulle pagine equivalenti del CP4 (sará dovuta a quello la “X” ?)
Ciao,difatti il mio "vecchio" P-155 ha la tastiera Graded hammer,il nuovo P-515 NO!.In pratica monta si i tasti in legno,ma del entri level Clavinova.E questo,soprattutto per chi studia,è un grosso limite.Meglio avere una tastiera che si avvicina il più possibile al piano acustico,con un suono diciamo discreto,che un piano bellissimo ma con i tasti che non rispondono a dovere.Almeno questo è quello che penso.Peccato perché da come l'ho ascoltato su YouTube,non è niente male ed ha parecchie regolazioni.La Yamaha poteva farlo pagare qualche Euro in più,ed utilizzare la Graded Hammer,peccato.Forse daneggiava la vendita dei Clavinova?.