I migliori synth analogici

  • orange1978
  • Membro: Guru
  • Risp: 7919
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 497  

14-05-18 22.00

@ greg
I migliori synth analogici era solo per dare inizio all'argomento. Avessi voluto scrivere per intiero, diventava un titolo di un film della Werthmuller......abbiate pazienza....siete musicisti in battere o levare? non tollerate un moscerino sul parabbrezza e siete diventati più rompipalle di certe signorine altezzose.......................emoemoemoemoemoemo
Naturalmente vi voglio bene tutti e accetto le critiche
beh no, era solo per precisare che "i migliori synth analogici" in assoluto, e "i synth che hanno avuto la meglio nelle produzioni musicali degli ultimi 30/40 anni" possono non coincidere.

per esempio, la tb303 non si puo certo dire sia stato il migliore synth analogico, limitatissima....una scatoletta con uno step sequencer e un oscillatore, tre quattro controlli, forse nemmeno lo si puo definire synth, però ha fatto ballare milioni di ragazzi dalla metà degli anni 80 e continua a farlo anche adesso, ha oltre trent'anni ma non li dimostra, è sempre attualissimo.

però in senso assoluto, non si puo certo considerarlo come uno dei "migliori synth" :)
  • greg
  • Membro: Expert
  • Risp: 2007
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 49  

16-05-18 13.11

@ Synthex77
maxpiano69 ha scritto:
Ma infatti la domanda finale del post di apertura é chiara


Il titolo è i migliori synth analogici...

Se uno mette un titolo così e nel post chiede che colore era il cavallo bianco di napoleone cazzo me ne frega? emoemoemo
Ma de coccio, coccio. un titolo per me ha senso nell'aprire un argomento, non specificarlo con l'idiozia bacata e limitata del web, in genere.........NOn avrei mai chiesto a te del cavallo di Napoleone....ma se io parlo dei migliori analogici di sempre, con un bug di 20 anni e le aziende si sono messe a produrre pari pari gli strumenti di ieri...e voi qui a chiedervi se vi rifanno questo o quel sunto......non vedo assolutamente dove è il problema. E' chiaro che siete stati a rompere le scatole 16 anni(non parlo di te , non saprei nemmeno se ti interessa il genere e poco mi importa) con la storia che il Voyager, grande monofonico, non avesse quasi nulla a che fare col Minimoog, è andata casa madre a riprodurvelo........questo è fuori tema? ma voi un argomento come volete trattarlo, che siete stati mesi a parlare e girare intorno a niente col PX5S della Casio o il Montage della Yamaha e cose simili. Se vi porto a disquisire su strumenti che se ne fottono delle App e non hanno bisogno di megadispay per essere attraenti, rinunciano a gigabytes e gigadisk......il vostro problema è su una domanda per aprire l'argomento e l'argomento trattato in modo più congruo e ampio..........me lo dicevano , strani sti musicisti.........
  • orlando
  • Membro: Expert
  • Risp: 3087
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 76  

17-05-18 20.11

@ greg
Momento storico particolare: il boom di analogici avvenne dalla metà anni '70 fino a circa la metà degli anni '80 e poco oltre (ricordando qualche Oberheim, se non Roland e poco altro).
Eppure, epoca di crisi musicale e strumentale, quella attuale sta diventando prolifica di produzione analogica.
Dopo un tentativo di virtualizzare la tecnica di sintesi sottrattiva analogica, principalmente, vedi Korg, Clavia, Technics, Yamaha e Roland, poi Alesis, Novation, Access ed altre, ci si è resi conto che si era in realtà aperta una nuova strada che con l'analogico puro non aveva molto a che fare, con filtri Moog se non Curtis, e che quindi la sete del mercato per l'analogico andava soddisfatta.
E giù con il ritorno di un grande come Dave Smith, la Moog tornata prepotentemente in auge con tutti i suoi prodotti nuovi o rifacimenti dei grandissimi classici (nonostante la dipartita del grande Bob), Korg ripropone MS20, ma anche l'acquisizione del marchio Arp, poi Minilogue, Prologue eccetera, in attesa di ritorni ancora più proponderanti di altri classici della casa giapponese...............non sto qui a fare elenchi...............
A questo punto mi rivolgo si a tutti i musicisti o amatori presenti nel forum, ma soprattutto a chi come me, per motivi di età, hanno vissuto l'età dell'oro dei synth analogici e sono presenti ancora per poter criticamente valutare ciò: in passato ci sono stati mostri paurosi, a parte i giganteschi modulari, alcuni rarissimi, ma parliamo di synth quali 8 voices Oberheim Sem e tutta la sequela, CS 80 Yamaha PS 3300 Korg, Arp 2600 e chi più ne ha più ne aggiunga.................la nostra nuova era propone synth più alla portata di tutti,e parlo sì di tasca, ma anche di reale peso specifico.................ora, possiamo insieme stabilire cosa significa analogico oggi, quali sono gli strumenti che stanno caratterizzando la musica attuale in modo determinante e quanto gli analogici di ieri sono presenti nelle produzioni ed influiscono in esse? Grazie
Ma tra i poly analog odierni quale preferite?
  • orange1978
  • Membro: Guru
  • Risp: 7919
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 497  

17-05-18 21.45

@ orlando
Ma tra i poly analog odierni quale preferite?
come suono direi sicuramente prophet 6...ma i poly analogue moderni non sono poi tantissimi.

io adoro anche il p12 peró non é un vero polysynth analogico ma é un ibrido, anche suona molto analogico.
  • orlando
  • Membro: Expert
  • Risp: 3087
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 76  

17-05-18 22.21

@ orange1978
come suono direi sicuramente prophet 6...ma i poly analogue moderni non sono poi tantissimi.

io adoro anche il p12 peró non é un vero polysynth analogico ma é un ibrido, anche suona molto analogico.
Bello il p12....ma credo che il prophet x sarà una bella storia..