Alesis Micron / Akai MiniAK

  • marcoballa
  • Membro: Guru
  • Risp: 5360
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 717  

15-04-18 16.08

confermo validità del prodotto (AKAI MINIAK).

ho avuto Alesis ION, di cui ricordo l'imponenza sonora.
ma causa la solita mancanza di tempo non sono mai riuscito ad andare in profondità su editing e programmazione. anche lo spippolamento da pannello mi risultava poco intuitivo pertanto usavo solo i presets...
per finire, era piuttosto pesante e non ho mai avuto la voglia di portarlo dal vivo...

Alesis MICRON...
sempre stato incuriosito (conoscendo il sound) anche per la dimensione che potrebbe essere idonea al tipo di utilizzo che ne farei, cioè solo dal vivo appoggiato sull'Hamichord (in studio ho gli strumenti veri vintage pertanto il problema non si pone).
ma ogni volta mi sono bloccato per il pannello minimal (l'idea di dover fare ogni cosa col pc mi blocca sempre, in generale).

recentemente ho trovato buona occasione per l'AKAI MINIAK e sono felice di averlo preso, riscoprendo le sonorità note dell'Alesis ION.
Formato giusto per trasporto dentro la stessa borsa dell'Hamichord, nonchè per posizionarlo proprio sopra l'Hamichord stesso.
qualche minimo comando in più sul pannello (rispetto a MICRON) che consente editing "al volo", poi ovviamente entrando nel menù tutto diventa caotico (ma NON complicato, nulla di difficile, anzi è decisamente semplice, ma dover fare tutto dalla macchina passo-passo diventa cosa snervante... ma il tutto, seguendo linearità logica, è chiaro anche a me - che non vado oltre lo schema del Minimoog - ).
a seconda delle necessità lo alterno al KORG MicroKORG XL e per i live ho trovato soluzione perfetta (pad, lead, effetti vari)

emo
  • DRUPIZ
  • Membro: Expert
  • Risp: 1351
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 14  

15-04-18 16.34

@ marcoballa
confermo validità del prodotto (AKAI MINIAK).

ho avuto Alesis ION, di cui ricordo l'imponenza sonora.
ma causa la solita mancanza di tempo non sono mai riuscito ad andare in profondità su editing e programmazione. anche lo spippolamento da pannello mi risultava poco intuitivo pertanto usavo solo i presets...
per finire, era piuttosto pesante e non ho mai avuto la voglia di portarlo dal vivo...

Alesis MICRON...
sempre stato incuriosito (conoscendo il sound) anche per la dimensione che potrebbe essere idonea al tipo di utilizzo che ne farei, cioè solo dal vivo appoggiato sull'Hamichord (in studio ho gli strumenti veri vintage pertanto il problema non si pone).
ma ogni volta mi sono bloccato per il pannello minimal (l'idea di dover fare ogni cosa col pc mi blocca sempre, in generale).

recentemente ho trovato buona occasione per l'AKAI MINIAK e sono felice di averlo preso, riscoprendo le sonorità note dell'Alesis ION.
Formato giusto per trasporto dentro la stessa borsa dell'Hamichord, nonchè per posizionarlo proprio sopra l'Hamichord stesso.
qualche minimo comando in più sul pannello (rispetto a MICRON) che consente editing "al volo", poi ovviamente entrando nel menù tutto diventa caotico (ma NON complicato, nulla di difficile, anzi è decisamente semplice, ma dover fare tutto dalla macchina passo-passo diventa cosa snervante... ma il tutto, seguendo linearità logica, è chiaro anche a me - che non vado oltre lo schema del Minimoog - ).
a seconda delle necessità lo alterno al KORG MicroKORG XL e per i live ho trovato soluzione perfetta (pad, lead, effetti vari)

emo
Grazie per il passaggio, ottima analisi.
  • DRUPIZ
  • Membro: Expert
  • Risp: 1351
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 14  

15-04-18 16.50

@ DRUPIZ
Grazie per il passaggio, ottima analisi.
Marco, ti trovi bene con la creazione/trigger di pattern e ritmi?
Mi sembra ottimale la macchina anche da quel punto di vista, e pare sia piuttosto dotata anche come suoni di partenza.
  • marcoballa
  • Membro: Guru
  • Risp: 5360
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 717  

15-04-18 22.38

@ DRUPIZ
Marco, ti trovi bene con la creazione/trigger di pattern e ritmi?
Mi sembra ottimale la macchina anche da quel punto di vista, e pare sia piuttosto dotata anche come suoni di partenza.
per essere sincero...
mai usati emoemo

sia MINIAK che MICROKORG XL li uso solo dal vivo per fare tappeti synth e suoni lead tipo moog.
parto ogni volta da alcuni presets e (a parte un paio di lead personalizzati che mi sono salvato) il resto lo smanopolo ogni volta in real time. ma mai usato arpeggiatore e pattern ritmici emoemo

da quanto vedo, su quel fronte sul MINIAK c'è un mondo di roba e (fatto una volta sola) si può creare un arpeggiatore in real time proprio semplicemente suonando la sequenza di note desiderata emo
  • DRUPIZ
  • Membro: Expert
  • Risp: 1351
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 14  

15-04-18 22.43

@ marcoballa
per essere sincero...
mai usati emoemo

sia MINIAK che MICROKORG XL li uso solo dal vivo per fare tappeti synth e suoni lead tipo moog.
parto ogni volta da alcuni presets e (a parte un paio di lead personalizzati che mi sono salvato) il resto lo smanopolo ogni volta in real time. ma mai usato arpeggiatore e pattern ritmici emoemo

da quanto vedo, su quel fronte sul MINIAK c'è un mondo di roba e (fatto una volta sola) si può creare un arpeggiatore in real time proprio semplicemente suonando la sequenza di note desiderata emo
Esatto. In effetti di ciccia ce n’è. Le uniche perplessità stanno nel timore di usare quei menu che appaiono ostici.
Però mi par di capire che tutto si può salvare, come mi confermi.
  • marcoballa
  • Membro: Guru
  • Risp: 5360
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 717  

15-04-18 22.50

@ DRUPIZ
Esatto. In effetti di ciccia ce n’è. Le uniche perplessità stanno nel timore di usare quei menu che appaiono ostici.
Però mi par di capire che tutto si può salvare, come mi confermi.
menù tutt'altro che ostico.
solo che è lungo e snervante dover entrare pagina per pagina per i singoli parametri emoemoemo
  • DRUPIZ
  • Membro: Expert
  • Risp: 1351
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 14  

16-04-18 01.25

@ marcoballa
menù tutt'altro che ostico.
solo che è lungo e snervante dover entrare pagina per pagina per i singoli parametri emoemoemo
Thanks.
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 14526
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 1310  

16-04-18 14.24

@ OperatorOne
DRUPIZ ha scritto:
Scocca cambiata, più pesante e leggermente più grande.
Paletta sonora raddoppiata mantenendo i vecchi suoni del Micron e Pattern che da 200 giungono a 600.
Manopole e slide aggiunti e rivisti per posizione e comodità.

Sì, ma... dove si può vedere? Quello sul sito Akai sembra la vecchia versione... emo
Non esiste alcuna nuova versione, si parla sempre del "vecchio" Miniak.

Anche a me aveva intrigato un Micron/Miniak e pensavo di usarlo anche come master e particolarmente in abbinamento al mio SlimPhatty (in modo da sfruttarne anche la sezione effetti), ma poi la mancanza di controlli e di aftertouch (ed una buon occasione su una Xstation49) mi hanno fatto desistere.
  • Matteodactyl
  • Membro: Guest
  • Risp: 35
  • Loc: Cagliari
  • Status:
  • Thanks: 4  

16-04-18 14.37

Ciao, anch'io ho un Micron e confermo quanto scritto in precedenza: bel suono ma programmazione ostica. Ha un'interfaccia "minimal", e un unico knob con cui dover gestire la quasi totalità delle funzioni (editing, scorrimento presets, eccetera). Questo fa si che, per il suo utilizzo praticamente obbligatorio, si deteriori più rapidamente del normale.

I presets, in particolare, non gli rendono giustizia, ma lavorando con pazienza si possono ottenere risultati del genere: Alesis Micron Analog Sounds

Ho scoperto da poco l'esistenza di un editor per iPad, che gira sotto l'app Midi Designer Pro. Non ho ancora avuto l'occasione di provarlo, ma sembra ben realizzato. Ecco il link: Miniak/Micron editor
  • DRUPIZ
  • Membro: Expert
  • Risp: 1351
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 14  

16-04-18 20.53

@ Matteodactyl
Ciao, anch'io ho un Micron e confermo quanto scritto in precedenza: bel suono ma programmazione ostica. Ha un'interfaccia "minimal", e un unico knob con cui dover gestire la quasi totalità delle funzioni (editing, scorrimento presets, eccetera). Questo fa si che, per il suo utilizzo praticamente obbligatorio, si deteriori più rapidamente del normale.

I presets, in particolare, non gli rendono giustizia, ma lavorando con pazienza si possono ottenere risultati del genere: Alesis Micron Analog Sounds

Ho scoperto da poco l'esistenza di un editor per iPad, che gira sotto l'app Midi Designer Pro. Non ho ancora avuto l'occasione di provarlo, ma sembra ben realizzato. Ecco il link: Miniak/Micron editor
Non so a voi, ma a me i suoni fanno impazzire.