Batteristi, spiegatemi questa scena

  • mark_c
  • Membro: Expert
  • Risp: 1042
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 11  

31-12-18 14.45

non essendo un batterista, non capisco se è così difficoltoso suonare la batteria a questo modo , data la mia ignoranza su questo strumento, a me sembra di primo acchito che batteristi che suonano così ve ne siano parecchi, cos'ha di speciale questo?

grazie
  • keyboard7
  • Membro: Guest
  • Risp: 37
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 1  

31-12-18 15.06

ciao, non sono un batterista e quindi non sono in grado di giudicare tecnicamente questa scena. Però credo che le difficoltà non consistano solo nella complessità ma anche nella qualità del tocco. Se hai tempo guarda questo video, dura sette minuti, credo che possa aiutare a capire a capire le sfumature che fanno la differenza tra "battere le bacchette su un tamburo" e suonare la batteria, anche su pezzi relativamente semplici. ciao https://www.youtube.com/watch?v=1HyRK52c8EQ
  • LukeBB
  • Membro: Expert
  • Risp: 1115
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 75  

02-01-19 11.11

@ mark_c
non essendo un batterista, non capisco se è così difficoltoso suonare la batteria a questo modo , data la mia ignoranza su questo strumento, a me sembra di primo acchito che batteristi che suonano così ve ne siano parecchi, cos'ha di speciale questo?

grazie
Ahahahahahah sei molto divertente! Quasi quasi ci cascavo 😂😂😂
  • mark_c
  • Membro: Expert
  • Risp: 1042
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 11  

02-01-19 13.10

@ LukeBB
Ahahahahahah sei molto divertente! Quasi quasi ci cascavo 😂😂😂
in che senso scusa?
  • Arci66
  • Membro: Expert
  • Risp: 1881
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 65  

02-01-19 13.39

mark_c ha scritto:
data la mia ignoranza su questo strumento, a me sembra di primo acchito che batteristi che suonano così ve ne siano parecchi

Magari....io negli ultimi anni ne ho incontrati di quelli che manco col click tengono il tempo......credo che sia la categoria dove ci siano la maggiore percentuale di autodidatti e gente che non sa nemmeno dove sta di casa la "divisione". Quando suoni con uno che sa suonare la batteria e non "percuote il tamburo", come diceva il collega, te ne accorgi subito.
  • mark_c
  • Membro: Expert
  • Risp: 1042
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 11  

02-01-19 14.08

@ Arci66
mark_c ha scritto:
data la mia ignoranza su questo strumento, a me sembra di primo acchito che batteristi che suonano così ve ne siano parecchi

Magari....io negli ultimi anni ne ho incontrati di quelli che manco col click tengono il tempo......credo che sia la categoria dove ci siano la maggiore percentuale di autodidatti e gente che non sa nemmeno dove sta di casa la "divisione". Quando suoni con uno che sa suonare la batteria e non "percuote il tamburo", come diceva il collega, te ne accorgi subito.
quindi è per una questione di precisione nel tenere il tempo?
  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 7451
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 627  

02-01-19 14.41

No, anzi...

quando il groove è espresso nel modo giusto qualche fluttuazione è più che naturale.
Essere un buon batterista non vuol dire saper imprescindibilmente tenere il tempo, è saper dare la spinta giusta, fare fill chiari, saper far distinguere bene tutta la struttura di un ritmo tra HH, cassa sicura, rullante sempre al posto giusto.

Una volta ebbi a che fare con una ritmica di percussionisti latini. Avevo steso la base... feci prima a risuonare tutto sul loro tempo impreciso ma naturale che sentire la loro performance imbarazzante sul click.

La batteria non è una drum machine, forse Lele Melotti e pochissimi altri hanno il tocco giusto e la precisione ...ma anche con loro poi si lavora in editing per "grigliare" allo standard da cumputer. Purtroppo!
Se una ritmica è suonata tutta in diretta è bene lasciare qualche fluttuazione se è tutta coerente con gli altri strumenti.

Se poi andiamo a grigliare tutta la musica anni '60/'70 c'è da inorridire in termini di click ...eppure...!
  • mark_c
  • Membro: Expert
  • Risp: 1042
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 11  

02-01-19 14.57

grazie Maestro, ho parlato di precisione in quanto in quel film si enfatizza molto questo aspetto, nemmeno fosse un androide; magari ho capito male io dove voleva far arrivare quel batterista quel maestro.
Però mi è chiaro il discorso che fate sul distinguere le varie parti del ritmo, i non addetti ai lavori come me ci fanno poco caso. Però so cogliere i passaggi dove i ritmi si "intersecano" nel senso che, è come se il batterista stesse suonando due cose diverse: non so come spiegarlo emo

Non sapevo ad esempio della variazione di nota se non colpisci sempre nello stesso punto un tamburo, da oggi ci farò più caso.
  • Arci66
  • Membro: Expert
  • Risp: 1881
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 65  

02-01-19 15.16

vin_roma ha scritto:
Se poi andiamo a grigliare tutta la musica anni '60/'70 c'è da inorridire in termini di click ...eppure...!

Il click in studio apparve durante gli anni 80 e costò il posto al batterista dei Chicago dopo una lunga militanza nello storico gruppo, nun sapeva andare a tempo.
vin_roma ha scritto: La batteria non è una drum machine, forse Lele Melotti e pochissimi altri hanno il tocco giusto e la precisione

Credo che ai tempi il defunto Jeff Porcaro fosse uno dei batteristi più richiesti in tutti gli USA perchè era più preciso di un metronomo.
Se non ricordo male fu proprio lui a sostituire al volo il batterista dei chicago che misero alla porta durante l'incisione di un disco.
Era più facile far registrare Jeff per poi limitare le grigliature
  • mark_c
  • Membro: Expert
  • Risp: 1042
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 11  

02-01-19 15.37

@ Arci66
vin_roma ha scritto:
Se poi andiamo a grigliare tutta la musica anni '60/'70 c'è da inorridire in termini di click ...eppure...!

Il click in studio apparve durante gli anni 80 e costò il posto al batterista dei Chicago dopo una lunga militanza nello storico gruppo, nun sapeva andare a tempo.
vin_roma ha scritto: La batteria non è una drum machine, forse Lele Melotti e pochissimi altri hanno il tocco giusto e la precisione

Credo che ai tempi il defunto Jeff Porcaro fosse uno dei batteristi più richiesti in tutti gli USA perchè era più preciso di un metronomo.
Se non ricordo male fu proprio lui a sostituire al volo il batterista dei chicago che misero alla porta durante l'incisione di un disco.
Era più facile far registrare Jeff per poi limitare le grigliature
ma vuoi dire che l'ascoltatore in un qualche modo percepisce le imprecisioni?
Leggo che molti suonano col metronono in cuffia.
  • barbetta57
  • Membro: Guru
  • Risp: 6620
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 696  

02-01-19 15.56

OT: ragazzi, "grigliare" è anche peggio di "reccare" emo
  • Arci66
  • Membro: Expert
  • Risp: 1881
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 65  

02-01-19 15.58

@ mark_c
ma vuoi dire che l'ascoltatore in un qualche modo percepisce le imprecisioni?
Leggo che molti suonano col metronono in cuffia.
No l'ascoltatore, soprattutto se non è un addetto ai lavori, non percepisce granchè.
Però oggi se devi incidere un disco, con tutta l'elettronica annessa e connessa è impossibile pensare di non usare il click per sincronizzare tracce, sequenze,etc, etc.
Quindi il batterista quando incide deve andare con il "click"...altrimenti je menano i tecnici della sala di incisione.
  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 7451
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 627  

02-01-19 16.11

@ barbetta57
OT: ragazzi, "grigliare" è anche peggio di "reccare" emo
"Grigliare" m'è scappato per la prima volta oggi e in fondo "grigliare" è mettere in griglia.. emo
  • Arci66
  • Membro: Expert
  • Risp: 1881
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 65  

02-01-19 16.13

@ vin_roma
"Grigliare" m'è scappato per la prima volta oggi e in fondo "grigliare" è mettere in griglia.. emo
Quà pensano solo a magnà, Barbetta ha subito visualizzato le salsicceemoemo
  • LukeBB
  • Membro: Expert
  • Risp: 1115
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 75  

02-01-19 18.04

@ LukeBB
Ahahahahahah sei molto divertente! Quasi quasi ci cascavo 😂😂😂
Di speciale magari non ha niente, ma spero tu non intenda che sia un batterista scarso, perché è tutt’altro che scadente

Ha un controllo dinamico ed espressivo notevole, e una tecnica per niente banale o scarsa.

Ma magari ho frainteso io il tuo intervento iniziale, nel caso fosse così chiedo scusa 😊

  • mark_c
  • Membro: Expert
  • Risp: 1042
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 11  

02-01-19 18.31

@ LukeBB
Di speciale magari non ha niente, ma spero tu non intenda che sia un batterista scarso, perché è tutt’altro che scadente

Ha un controllo dinamico ed espressivo notevole, e una tecnica per niente banale o scarsa.

Ma magari ho frainteso io il tuo intervento iniziale, nel caso fosse così chiedo scusa 😊

ma figurati, tranquillo.
Anch'io non lo reputo banale suonare a quel modo ma ad orecchio, non essendo un batterista, mi è sembrato che ne esistano molti che suonano così; per questo chiedevo lumi su cosa abbia di speciale quel batterista.

Questo mi sembra un pezzo tutt'altro che banale
  • Osuna1
  • Membro: Guest
  • Risp: 66
  • Loc: Verona
  • Status:
  • Thanks: 4  

02-01-19 22.27

@ vin_roma
No, anzi...

quando il groove è espresso nel modo giusto qualche fluttuazione è più che naturale.
Essere un buon batterista non vuol dire saper imprescindibilmente tenere il tempo, è saper dare la spinta giusta, fare fill chiari, saper far distinguere bene tutta la struttura di un ritmo tra HH, cassa sicura, rullante sempre al posto giusto.

Una volta ebbi a che fare con una ritmica di percussionisti latini. Avevo steso la base... feci prima a risuonare tutto sul loro tempo impreciso ma naturale che sentire la loro performance imbarazzante sul click.

La batteria non è una drum machine, forse Lele Melotti e pochissimi altri hanno il tocco giusto e la precisione ...ma anche con loro poi si lavora in editing per "grigliare" allo standard da cumputer. Purtroppo!
Se una ritmica è suonata tutta in diretta è bene lasciare qualche fluttuazione se è tutta coerente con gli altri strumenti.

Se poi andiamo a grigliare tutta la musica anni '60/'70 c'è da inorridire in termini di click ...eppure...!
Grazie per il commento. Hai dato corpo a delle sensazioni che ho spesso in sala prove, andiamo tutti e 4 a tempo, ma volte si sentono le fluttuazioni del batterista durante certi passaggi, e in quei frangenti si “appoggia” a me e al bassista che “teniamo il tempo” in maniera più rigorosa. Registriamo quasi sempre le prove e riascoltandole, si nota il batterista che pur tenendo il tempo, si lascia andare.
Non so se sono stato chiaro...anche perché sono un dilettante ma sono contento di avere apprezzato questa sfumatura sul tempo che viene fatta da chi suona da una vita e lo fa di mestiere. emo
  • LukeBB
  • Membro: Expert
  • Risp: 1115
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 75  

03-01-19 08.27

@ Osuna1
Grazie per il commento. Hai dato corpo a delle sensazioni che ho spesso in sala prove, andiamo tutti e 4 a tempo, ma volte si sentono le fluttuazioni del batterista durante certi passaggi, e in quei frangenti si “appoggia” a me e al bassista che “teniamo il tempo” in maniera più rigorosa. Registriamo quasi sempre le prove e riascoltandole, si nota il batterista che pur tenendo il tempo, si lascia andare.
Non so se sono stato chiaro...anche perché sono un dilettante ma sono contento di avere apprezzato questa sfumatura sul tempo che viene fatta da chi suona da una vita e lo fa di mestiere. emo
Come hanno scritto, il metronomo è stato inserito per andare a tempo anche con l’elettronica, ma ritengo qualche fluttuazione naturale e molto picevole, anche facendo pop. Se ascolti Passenger - Let Her Go c’è un continuo cambio di tempo, dpecialmente quando entrano batteria e basso, lo si percepisce ma non dà fastidio, anzi. Ed è pop commerciale. Avranno registrato la band in presa diretta. O almeno questa è la sensazione che hanno voluto dare.
  • Arci66
  • Membro: Expert
  • Risp: 1881
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 65  

03-01-19 08.35

LukeBB ha scritto:
Avranno registrato la band in presa diretta.

I più bravi, fanno ancora cosi, i Toto e molti altri professionisti di una certa caratura, si fermavano a "buona la prima o buona la seconda", e credo che ancora sia cosi.
Alla fine i session man più bravi fanno risparmiare tempo e soldi, per quello poi si creano delle cerchie di musicisti super richiesti per incidere dischi.
Che ci siano fluttuazioni per ogni singolo strumento è umano e naturale e rende il risultato finale più piacevole all ascolto, ma quello non significa che non si va a tempo.
  • dobermann103
  • Membro: Expert
  • Risp: 2364
  • Loc: Bari
  • Status:
  • Thanks: 102  

03-01-19 08.50

Per esperienza diretta la cosa più brutta è suonare con chi pensa che la batteria sia l’unico strumento presente, suonata con un tocco da zappatore, rullate fuori tempo e che non c’entrano un ca...in quel momento.... ma la cosa più grave è che tu lo fai notare ma non è cazzz loro... questo in generale vale per tutti: i suoni devono essere ben definiti e non da solista su tutto il brano coprendo anche chi canta... e meno male che c’è chi si ritiene di esperienza e che suona da anni!!