Perche' comprare e cosa ..? ( a parte la gas...)

  • clouseau57
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9682
  • Loc: Napoli
  • Status:
  • Thanks: 444  

09-03-18 01.30

Mi chiedevo...
1 ) Con la Siae che tartassa i locali e gli eventuali clienti
2 ) Con il costo degli strumenti arrivato alle stelle ( Inversamente dicasi per la qualità' )
3 ) Con i cachet praticamente da fame
4 ) Con il numero sempre minore di locali che chiama un musicista o una band
( in genere chiedono un solo elemento armato di casse e Pc che faccia da Dj - Intrattenitore )
5 ) Con la pessima qualità di musica che esce in giro
6 ) Con il latino americano che ha letteralmente frantumato......

Che senso ha l'acquisto di uno strumento di pregio o la collaborazione con una band quando di fatto non esistono quasi piu' locali che ospitano musicisti validi ?
emo
  • Synthex77
  • Membro: Senior
  • Risp: 906
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 18  

09-03-18 03.11

@ clouseau57
Mi chiedevo...
1 ) Con la Siae che tartassa i locali e gli eventuali clienti
2 ) Con il costo degli strumenti arrivato alle stelle ( Inversamente dicasi per la qualità' )
3 ) Con i cachet praticamente da fame
4 ) Con il numero sempre minore di locali che chiama un musicista o una band
( in genere chiedono un solo elemento armato di casse e Pc che faccia da Dj - Intrattenitore )
5 ) Con la pessima qualità di musica che esce in giro
6 ) Con il latino americano che ha letteralmente frantumato......

Che senso ha l'acquisto di uno strumento di pregio o la collaborazione con una band quando di fatto non esistono quasi piu' locali che ospitano musicisti validi ?
emo
Passione personale...
  • toniz1
  • Membro: Senior
  • Risp: 589
  • Loc: Verona
  • Status:
  • Thanks: 39  

09-03-18 08.32

... terapia antinvecchiamento...
... sviluppo cerebrale contro il rincoglionimento televisivo...
... ritagliarsi un po' di tempo per sè stessi piuttosto che fare cose inutili...

guarda, anche io sto facendo valutazioni mooolto simili, ma appena rientra nel budget mi compro una tastiera che sarà inutile all'uso live (QUASI una GAS) ma che mi farà stare alle tastiere piu' di quello che sto facendo ora, e il brutto sarà che quando avro' la (mia) migliore strumentazione di sempre, probabilmente non suonero' piu' live... emo
pazienza, ma non per questo smettero' di suonare emo
  • Cyrano
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9211
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 432  

09-03-18 08.55

La Musica...la Musica non ha bisogno di senso oltre che se stassa
  • giulio12
  • Membro: Expert
  • Risp: 2128
  • Loc: Udine
  • Status:
  • Thanks: 55  

09-03-18 09.30

@ clouseau57
Mi chiedevo...
1 ) Con la Siae che tartassa i locali e gli eventuali clienti
2 ) Con il costo degli strumenti arrivato alle stelle ( Inversamente dicasi per la qualità' )
3 ) Con i cachet praticamente da fame
4 ) Con il numero sempre minore di locali che chiama un musicista o una band
( in genere chiedono un solo elemento armato di casse e Pc che faccia da Dj - Intrattenitore )
5 ) Con la pessima qualità di musica che esce in giro
6 ) Con il latino americano che ha letteralmente frantumato......

Che senso ha l'acquisto di uno strumento di pregio o la collaborazione con una band quando di fatto non esistono quasi piu' locali che ospitano musicisti validi ?
emo
Ha senso se la musica è una passione e te ne freghi dei soldi. Ne ha meno se ci devi lavorare con la musica e per te è una professione. In quel caso vale la pena portare fuori robaccia in linea con i compensi offerti e nulla di più... Che poi è quello che noto in giro quando vedo gente soprattutto ai matrimoni dalle mie parti... Qualità nulla della strumentazione, anche per gente bravina... Ed hanno ragione... Per fare il musicista di professione a dei matrimoni, non comprerei una tastiera migliore di una Psr770 con due casse in plastica da 12 pollici per una spesa inferiore ai 2000 euro tutto compreso... IMHO
  • ipiman
  • Membro: Senior
  • Risp: 546
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 35  

09-03-18 09.31

@ clouseau57
Mi chiedevo...
1 ) Con la Siae che tartassa i locali e gli eventuali clienti
2 ) Con il costo degli strumenti arrivato alle stelle ( Inversamente dicasi per la qualità' )
3 ) Con i cachet praticamente da fame
4 ) Con il numero sempre minore di locali che chiama un musicista o una band
( in genere chiedono un solo elemento armato di casse e Pc che faccia da Dj - Intrattenitore )
5 ) Con la pessima qualità di musica che esce in giro
6 ) Con il latino americano che ha letteralmente frantumato......

Che senso ha l'acquisto di uno strumento di pregio o la collaborazione con una band quando di fatto non esistono quasi piu' locali che ospitano musicisti validi ?
emo
Io riformulerei la domanda così:
perchè suonare e cosa?
Una volta data la risposta a questa domanda automaticamente hai la risposta anche a "cosa comprare"..

ciao emo
  • Dantes
  • Membro: Expert
  • Risp: 2026
  • Loc: Livorno
  • Status:
  • Thanks: 128  

09-03-18 10.11

Il Deepmind perchè faffigo!
  • clouseau57
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9682
  • Loc: Napoli
  • Status:
  • Thanks: 444  

09-03-18 10.32

@ Dantes
Il Deepmind perchè faffigo!
Naturalmente sfigato...emo non sarà mai mio emo
  • mike71
  • Membro: Senior
  • Risp: 260
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 6  

09-03-18 10.41

giulio12 ha scritto:
Per fare il musicista di professione a dei matrimoni, non comprerei una tastiera migliore di una Psr770 con due casse in plastica da 12 pollici per una spesa inferiore ai 2000 euro tutto compreso... IMHO

Io lo dico non da professionista ma da novizio ed appassionato.
Hai perfettamente ragione. Nel senso che se una persona fa questo tipo di attività alla fine deve fare quadrare i conti, e quando il setup è comunque scadente e le persone non sono interessate alla performance non serve andare a spenderci i soldi, poi visto che chi paga tende a tirare sul prezzo, se uno spende poco, ottiene poco. Tanto il pubblico non è interessato, o quasi infastidito.

Se uno va a suonare in un teatro, allora ovviamente è un altro discorso.

Adesso che ci stavo pensando mi son però venuti in mente almeno tre ristoranti "alla buona" in cui c'è un piccolo palco ed un pianoforte verticale. In quel caso uno non si deve neanche portare dietro la tastiera :-)



  • giulio12
  • Membro: Expert
  • Risp: 2128
  • Loc: Udine
  • Status:
  • Thanks: 55  

09-03-18 10.49

@ mike71
giulio12 ha scritto:
Per fare il musicista di professione a dei matrimoni, non comprerei una tastiera migliore di una Psr770 con due casse in plastica da 12 pollici per una spesa inferiore ai 2000 euro tutto compreso... IMHO

Io lo dico non da professionista ma da novizio ed appassionato.
Hai perfettamente ragione. Nel senso che se una persona fa questo tipo di attività alla fine deve fare quadrare i conti, e quando il setup è comunque scadente e le persone non sono interessate alla performance non serve andare a spenderci i soldi, poi visto che chi paga tende a tirare sul prezzo, se uno spende poco, ottiene poco. Tanto il pubblico non è interessato, o quasi infastidito.

Se uno va a suonare in un teatro, allora ovviamente è un altro discorso.

Adesso che ci stavo pensando mi son però venuti in mente almeno tre ristoranti "alla buona" in cui c'è un piccolo palco ed un pianoforte verticale. In quel caso uno non si deve neanche portare dietro la tastiera :-)



Purtroppo anche se uno spende tanto e porta roba di qualità, ottiene la stessa somma del tizio che gira col bidone di 20 anni e due cassettine sfigate... Quindi.... emo
Quindi, se volessi avere una Genos, me la terrei a casa per goderne le potenzialità con un eccellente impianto audio e fuori farei ascoltare una bella psr770 con due DSR12, pure senza mixer....
Per i gruppi il discorso cambia, perchè avrei rispetto dei compagni con cui suono e cercherei di portare qualcosa di livello almeno pari alla loro strumentazione... Ma li si va più per passione che per guadagno...
  • tsuki
  • Membro: Expert
  • Risp: 2939
  • Loc: Sassari
  • Status:
  • Thanks: 155  

09-03-18 10.54

Tutte considerazioni validissime.Se di mestiere faccio il cercatore di funghi,non è che ci vado con un coupè BMW,ergo "lo strumento di lavoro deve essere adeguato al lavoro,e l'investimento proporzionale al guadagno che se ne ricava";ai matrimoni secoli fa ci si suonava anche con una E70 Roland ed un impiantino LEM,ed andava benone per far cantare e ballare tutti.Ma è anche vero che se sei un po' "viziato" dall'uso di macchine di livello professionale,andare con una entry level,anche mid-level,ti mette un po' a disagio...Un po' tutti ci mettono anche un fatto di passione per lo strumento;poi va bhè,se uno ci deve sbarcare il lunario,la passione lascia il tempo che trova. Per i gruppi peggio ancora: un gruppo di 5 persone che fanno buona musica e si portano una strumentazione autonoma e di buon livello,chi lo fa lo sa,spiazza,carica,scarica,fai i suoni,fai la serata,spiazza,carica,riscarica: c'è molta fatica e impegno.Certo non sono i 500 euri che un gestore da' che ripaga in pieno...Levaci le spese....E' soprattutto Passione,non c'è dubbio.
  • Pianolaio
  • Membro: Expert
  • Risp: 1207
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 222  

09-03-18 11.10

clouseau57 ha scritto:
Che senso ha l'acquisto di uno strumento di pregio o la collaborazione con una band quando di fatto non esistono quasi piu' locali che ospitano musicisti validi ?

La cosa che dici è vera purtroppo.
Però sinceramente e fortunatamente, almeno zona che conosco, quindi Milano o Lombardia o più in generale Nord Italia, non parlo di altre realtà perchè non le conosco e mi fido dei vostri giudizi, ci sono locali che ancora trattano la musica e i musicisti in maniera un po' più professionale...
Certo, sono la minoranza e comunque non ti regala niente nessuno emo
Ma diciamo che almeno non ti fanno la carità o non ti chiedono di portare gente!
Allora volendo uno ha anche piacere di andare con una strumentazione migliore.
Fermo restando che la strumentazione migliore non è sempre per forza la più costosa!
E sempre fermo restando che uno può avere il piacere di suonare con strumenti un po' più pregiati solo per soddisfazione personale e per passione. Quindi il locale e il cachet può venire anche in secondo piano.
Per intenderci, conosco GROSSI professionisti che girano con lo Yamaha P-115 e hobbisti con il Roland V-Piano. E non ci trovo comunque niente di male!
E qui mi collego alla tua domanda: perchè comprare?
Io dico che se il tuo strumento ti ha accompagnato per anni in maniera soddisfacente, e lo fa ancora per il genere che suoni, non hai nessuna necessità di cambiare. emo
Nel 90% dei casi io penso subentri soltanto la famosa GAS.
Io cerco di comprare una Tastiera adeguata alle mie esigenze e cambiarla solo quando fa CRACK emo
Poi lo sfizio è lo sfizio, e ci sta se uno può! Serve anche quello nella vita.
Ma non credo che nella maggior parte dei casi siano necessarie le "innovazioni" (a volte davvero poca cosa, ma non nel prezzo emo) dei nuovi modelli.
Spesso è solo voglia di cambiare e di avere lo strumento alla moda...
E per carità, se uno può permetterselo fa bene!
Io dico che anche i Forum aiutano moltissimo a cadere nella Gas emoemoemo
E' bello e interessante leggere e discutere dei vari Strumenti e la tentazione sale emo
  • giulio12
  • Membro: Expert
  • Risp: 2128
  • Loc: Udine
  • Status:
  • Thanks: 55  

09-03-18 11.48

@ Pianolaio
clouseau57 ha scritto:
Che senso ha l'acquisto di uno strumento di pregio o la collaborazione con una band quando di fatto non esistono quasi piu' locali che ospitano musicisti validi ?

La cosa che dici è vera purtroppo.
Però sinceramente e fortunatamente, almeno zona che conosco, quindi Milano o Lombardia o più in generale Nord Italia, non parlo di altre realtà perchè non le conosco e mi fido dei vostri giudizi, ci sono locali che ancora trattano la musica e i musicisti in maniera un po' più professionale...
Certo, sono la minoranza e comunque non ti regala niente nessuno emo
Ma diciamo che almeno non ti fanno la carità o non ti chiedono di portare gente!
Allora volendo uno ha anche piacere di andare con una strumentazione migliore.
Fermo restando che la strumentazione migliore non è sempre per forza la più costosa!
E sempre fermo restando che uno può avere il piacere di suonare con strumenti un po' più pregiati solo per soddisfazione personale e per passione. Quindi il locale e il cachet può venire anche in secondo piano.
Per intenderci, conosco GROSSI professionisti che girano con lo Yamaha P-115 e hobbisti con il Roland V-Piano. E non ci trovo comunque niente di male!
E qui mi collego alla tua domanda: perchè comprare?
Io dico che se il tuo strumento ti ha accompagnato per anni in maniera soddisfacente, e lo fa ancora per il genere che suoni, non hai nessuna necessità di cambiare. emo
Nel 90% dei casi io penso subentri soltanto la famosa GAS.
Io cerco di comprare una Tastiera adeguata alle mie esigenze e cambiarla solo quando fa CRACK emo
Poi lo sfizio è lo sfizio, e ci sta se uno può! Serve anche quello nella vita.
Ma non credo che nella maggior parte dei casi siano necessarie le "innovazioni" (a volte davvero poca cosa, ma non nel prezzo emo) dei nuovi modelli.
Spesso è solo voglia di cambiare e di avere lo strumento alla moda...
E per carità, se uno può permetterselo fa bene!
Io dico che anche i Forum aiutano moltissimo a cadere nella Gas emoemoemo
E' bello e interessante leggere e discutere dei vari Strumenti e la tentazione sale emo
in merito alla sostituzione degli strumenti, se con una tastiera ci esco, cerco di avere una macchina sempre efficiente, giovane (con poca usura meccanica) e coperta da garanzia. Se la devo tenere a casa, la cambio quando scoppia... Ma questo è un mio modo di vedere....
  • Pianolaio
  • Membro: Expert
  • Risp: 1207
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 222  

09-03-18 11.55

giulio12 ha scritto:
cerco di avere una macchina sempre efficiente

Certo!
Mi riferisco a chi cambia le tastiere appena esce il modello nuovo nonostante sia in possesso di macchine perfettamente funzionanti.
Ritengo che nella maggior parte dei casi sia influenzato dalla GAS e non da reali necessità.
Ovviamente lo strumento deve essere sempre efficiente emo
Certo che se ha problemi, chi lo utilizza per lavoro o per passione, deve prima o poi cambiarlo.
Comunque ripeto che non ho nulla da criticare nemmeno a chi cambia tastiere solo per sfizio.
Se uno può fa bene!
Ci vuole anche un po' di piacere nella vita emo
  • giulio12
  • Membro: Expert
  • Risp: 2128
  • Loc: Udine
  • Status:
  • Thanks: 55  

09-03-18 12.02

@ Pianolaio
giulio12 ha scritto:
cerco di avere una macchina sempre efficiente

Certo!
Mi riferisco a chi cambia le tastiere appena esce il modello nuovo nonostante sia in possesso di macchine perfettamente funzionanti.
Ritengo che nella maggior parte dei casi sia influenzato dalla GAS e non da reali necessità.
Ovviamente lo strumento deve essere sempre efficiente emo
Certo che se ha problemi, chi lo utilizza per lavoro o per passione, deve prima o poi cambiarlo.
Comunque ripeto che non ho nulla da criticare nemmeno a chi cambia tastiere solo per sfizio.
Se uno può fa bene!
Ci vuole anche un po' di piacere nella vita emo
D'accodissimo...Vuoi mettere aprire il cartone della nuova tastiera, posizionarla sullo stand e suonare le prime note? Sarebbe da farlo ogni anno emo Super GAS
  • lucablu
  • Membro: Guest
  • Risp: 116
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 8  

09-03-18 13.05

@ clouseau57
Mi chiedevo...
1 ) Con la Siae che tartassa i locali e gli eventuali clienti
2 ) Con il costo degli strumenti arrivato alle stelle ( Inversamente dicasi per la qualità' )
3 ) Con i cachet praticamente da fame
4 ) Con il numero sempre minore di locali che chiama un musicista o una band
( in genere chiedono un solo elemento armato di casse e Pc che faccia da Dj - Intrattenitore )
5 ) Con la pessima qualità di musica che esce in giro
6 ) Con il latino americano che ha letteralmente frantumato......

Che senso ha l'acquisto di uno strumento di pregio o la collaborazione con una band quando di fatto non esistono quasi piu' locali che ospitano musicisti validi ?
emo
Infatti, uno si chiede se ne valga la pena di spendere 4.000 Euro per una Tastiera nuova (più accessori non compresi nel prezzo: stand reggitastiera, sgabello, pedali, cavi, borsa, mixerino, ecc.), andare in sala prove una decina di volte, con il gruppo (spendendo 7 o 8 Euro a testa ogni volta), per poi andare a suonare in un locale dove danno 50 Euro a testa per una serata se va bene o, se va male (locale vuoto), non essere nemmeno pagati o pagati con una pizza ed una birra...

Lo si fa più che altro per passione (e su questo i gestori dei locali ci marciano: "Tanto tu, a suonare, ti diverti, no?") emo
  • clouseau57
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9682
  • Loc: Napoli
  • Status:
  • Thanks: 444  

09-03-18 13.21

lucablu ha scritto:
Lo si fa più che altro per passione (e su questo i gestori dei locali ci marciano: "Tanto tu, a suonare, ti diverti, no?") emo

Ho mollato un localino sui due piedi proprio per questo , si chiami pure il tizio con il pc...emo
  • Dantes
  • Membro: Expert
  • Risp: 2026
  • Loc: Livorno
  • Status:
  • Thanks: 128  

09-03-18 14.33

@ clouseau57
Naturalmente sfigato...emo non sarà mai mio emo
Dove ci si sputa ci si lecca!emo
  • michelet
  • Membro: Supporter
  • Risp: 13492
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 1650  

09-03-18 22.06

Le domande che fai sono tutte legittime, vorrei tentare di fare allo stesso tempo una veloce analisi (per quella che è la mia limitata esperienza) del fenomeno della musica da intrattenimento.
Una trentina di anni fa ed oltre (ora faccio riferimento ai miei 20 anni di 30 anni fa) esisteva il musicista di piano bar, fondamentalmente un pianista competente, preparato che con piano, voce (o una cantante, se in duo) ed una primitiva rhythm machine faceva tutto. All'epoca andare al piano bar significava consumazione obbligatoria, le canoniche 10 mila lire, si ascoltava buona musica e si trascorreva qualche ora in tranquillità. La fase successiva, dove già si iniziavano a vedere i primi decadimenti qualitativi, fu quando dal solo pianoforte si passò agli arranger. Press'a poco il musicista era sempre lo stesso, magari più tecnologico, ma sempre con solide basi armoniche e ritmiche. La grande rivoluzione in negativo avvenne quando al pianoforte o al pianoforte digitale furono aggiunge le basi MIDI GM/GS, expander ecc, Da qui iniziò un punto di non ritorno perché contestualmente al fatto di offrire un prodotto molto più appetibile dal punto di vista sonoro, dall'altra si permetteva a chiunque, capace di pigiare qualche pulsante, con una voce accettabile, di fare serate. All'epoca, pur con una concorrenza decisamente agguerrita, si riusciva ancora a portare qualche spicciolo a casa, magari affiancando l'intrattenimento alla musica.
Nel contempo l'imbarbarimento culturale prosegue, dilaga per tutta la penisola ed oltre, finché i gestori dei locali, influenzati anche dal crescente fenomeno del karaoke, per risparmiare il più possibile, prevedono solo la presenza di un tizio (o una tizia) che canta sulle basi.
Siamo arrivati alla frutta, o meglio, al rutto.
C'è da dire, tuttavia, che i musicisti bravi, pur tra molte difficoltà, continuano a suonare e percepire i loro cachet più che dignitosi. Gli altri sono stati, malamente soppiantati dai cantanti da strapazzo di cui sopra.
In conclusione, gli strumenti bisogna comperarseli per se stessi, per una gratificazione personale. Illudersi di poter guadagnare con l'attività musicale, a meno di non far parte di giri di altissimo livello, è pura utopia.
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 14147
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 1268  

10-03-18 01.42

Pianolaio ha scritto:
Io dico che anche i Forum aiutano moltissimo a cadere nella Gas emoemoemo
E' bello e interessante leggere e discutere dei vari Strumenti e la tentazione sale emo


Quanta saggezza in quel che hai scritto...emo