Nord Piano Library: che pianoforte usate?

  • hrestov
  • Membro: Expert
  • Risp: 1596
  • Loc: Vicenza
  • Status:
  • Thanks: 124  

25-02-18 05.33

Sembra una domanda banale....ma facendo la ricerca nel forum non ho trovato un post dedicato a riguardo...solo qualche opinione sparsa qua e là nei vari thread dedicati alle nord.
Che piano acustico usate della nord piano library, e in che contesto (rock, jazz, classica, funk, in studio, in live)?
  • CoccigeSupremo
  • Membro: Expert
  • Risp: 2870
  • Loc: Latina
  • Status:
  • Thanks: 107  

25-02-18 10.53

Per il duo piano+voce solitamente il campione royal grand 3d.
Per gruppi poppettari dove serve botta e non troppo dettaglio uso il grand imperial.
  • emidio
  • Membro: Expert
  • Risp: 2458
  • Loc: Sassari
  • Status:
  • Thanks: 144  

25-02-18 10.55

Io Silver: è ovattato sulle basse dinamiche per poi “aprirsi” quando serve .
  • Arci66
  • Membro: Expert
  • Risp: 1754
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 61  

25-02-18 10.57

Nell’electro ho ridotto a 3 piani Bösendorfer grand imperial, xl bright grand xl e un verticale l’amber Upright.
Poi magari cambio ma questi al momento sono i miei best...e non sfigurano affatto accanto ai VST
  • paich
  • Membro: Expert
  • Risp: 1524
  • Loc: Novara
  • Status:
  • Thanks: 88  

26-02-18 13.04

@ Arci66
Nell’electro ho ridotto a 3 piani Bösendorfer grand imperial, xl bright grand xl e un verticale l’amber Upright.
Poi magari cambio ma questi al momento sono i miei best...e non sfigurano affatto accanto ai VST
Royal Grand 3D e Bright
  • hrestov
  • Membro: Expert
  • Risp: 1596
  • Loc: Vicenza
  • Status:
  • Thanks: 124  

14-03-18 21.30

Per ora quello che mi trovo meglio è il royal grand 3d, però è campionato male. Capisco le imperfezioni fatte di proposito, ma alcune note sono proprie metalliche, pare di sbattere contro una ringhiera.. tipo il D5 lo è in modo clamoroso, ma anche altre note.
Devo dire che per ora nelle mie prime settimane i pianoforti della piano library mi hanno abbastanza deluso dal vivo
  • mirkogig
  • Membro: Expert
  • Risp: 1473
  • Loc: Brescia
  • Status:
  • Thanks: 58  

14-03-18 21.41

@ hrestov
Per ora quello che mi trovo meglio è il royal grand 3d, però è campionato male. Capisco le imperfezioni fatte di proposito, ma alcune note sono proprie metalliche, pare di sbattere contro una ringhiera.. tipo il D5 lo è in modo clamoroso, ma anche altre note.
Devo dire che per ora nelle mie prime settimane i pianoforti della piano library mi hanno abbastanza deluso dal vivo
Si stanno lasciando un po’ andare su al nord emo
  • Jaam
  • Membro: Supporter
  • Risp: 11952
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 378  

14-03-18 21.57

italian e devo dire che dal vivo fa la sua porca figura
  • Arci66
  • Membro: Expert
  • Risp: 1754
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 61  

14-03-18 22.04

@ Jaam
italian e devo dire che dal vivo fa la sua porca figura
No quello é chi lo domina che fa fare le porche figure, tu andrai bene con tutti i pianos.

Comunque tornado seri, questi acustici nord, li ho confrontati in Mainstage face to face con cambi seamless con dei buoni vst: Pianoteq, Ravenscroft e CFX.
Al mio orecchio i piani nord sono comparabili come qualità sonora e dinamica.
La prova è stata fatta usando come master la sl 88 grand che pilota anche il mio NE5D a meraviglia.
  • benjomy
  • Membro: Expert
  • Risp: 3303
  • Loc: Monza
  • Status:
  • Thanks: 82  

15-03-18 01.09

VAdo a momenti emo italian o bosendorfer o silver di solito. In duo. Mai band
  • reto961
  • Membro: Senior
  • Risp: 225
  • Loc: Bari
  • Status:
  • Thanks: 4  

15-03-18 01.36

@ hrestov
Sembra una domanda banale....ma facendo la ricerca nel forum non ho trovato un post dedicato a riguardo...solo qualche opinione sparsa qua e là nei vari thread dedicati alle nord.
Che piano acustico usate della nord piano library, e in che contesto (rock, jazz, classica, funk, in studio, in live)?
royal grand XL e studio grand 2 lrg... il royal con un po' di compressione dal mixer
  • albertobovetti
  • Membro: Senior
  • Risp: 793
  • Loc: Cuneo
  • Status:
  • Thanks: 11  

15-03-18 12.31

@ reto961
royal grand XL e studio grand 2 lrg... il royal con un po' di compressione dal mixer
I miei preferiti sono Royal Grand 3d (in versione XL), Velvet (in versione L) e Amber Upright (versione XL). Sarebbe bello aggiungessero un nuovo coda, magari uno Steinway...
  • Jaam
  • Membro: Supporter
  • Risp: 11952
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 378  

15-03-18 12.39

@ Arci66
No quello é chi lo domina che fa fare le porche figure, tu andrai bene con tutti i pianos.

Comunque tornado seri, questi acustici nord, li ho confrontati in Mainstage face to face con cambi seamless con dei buoni vst: Pianoteq, Ravenscroft e CFX.
Al mio orecchio i piani nord sono comparabili come qualità sonora e dinamica.
La prova è stata fatta usando come master la sl 88 grand che pilota anche il mio NE5D a meraviglia.
comando il rav con il ne5hp e mi capita spesso di passare da uno all'altro per sentire la differenza, il suono nord si comporta bene l'unica vera differenza è la profondità dinamica, i vst con i loro numerosi layer permettono più sfumature
  • emidio
  • Membro: Expert
  • Risp: 2458
  • Loc: Sassari
  • Status:
  • Thanks: 144  

15-03-18 19.03

@ albertobovetti
I miei preferiti sono Royal Grand 3d (in versione XL), Velvet (in versione L) e Amber Upright (versione XL). Sarebbe bello aggiungessero un nuovo coda, magari uno Steinway...
secondo te il Royal e il Lady D sono campioni di quale pianoforte? emo
  • Arci66
  • Membro: Expert
  • Risp: 1754
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 61  

15-03-18 20.14

@ emidio
secondo te il Royal e il Lady D sono campioni di quale pianoforte? emo
Il lady d si il royal se non ricordo male è uno Yamaha?
Ma non ne sono sicuro al 100, comunque un lady d XL manca al momento
  • emidio
  • Membro: Expert
  • Risp: 2458
  • Loc: Sassari
  • Status:
  • Thanks: 144  

15-03-18 20.24

@ Arci66
Il lady d si il royal se non ricordo male è uno Yamaha?
Ma non ne sono sicuro al 100, comunque un lady d XL manca al momento
Il Royal è campionato (in modalità binaurale) dallo Steinway numero 1 (risalente alla fine del XIX secolo).
  • albertobovetti
  • Membro: Senior
  • Risp: 793
  • Loc: Cuneo
  • Status:
  • Thanks: 11  

16-03-18 00.45

@ emidio
secondo te il Royal e il Lady D sono campioni di quale pianoforte? emo
Il Royal è uno Yamaha S6, correggetemi se sbaglio. Il lady D è uno Steinway D, ma non mi entusiasma ed è ormai vecchiotto... intendevo un nuovo campionamento Steinway, paragonabile alla qualità del Royal.
  • albertobovetti
  • Membro: Senior
  • Risp: 793
  • Loc: Cuneo
  • Status:
  • Thanks: 11  

16-03-18 00.47

@ albertobovetti
Il Royal è uno Yamaha S6, correggetemi se sbaglio. Il lady D è uno Steinway D, ma non mi entusiasma ed è ormai vecchiotto... intendevo un nuovo campionamento Steinway, paragonabile alla qualità del Royal.
http://www.nordkeyboards.com/sound-libraries/nord-piano-library/grand-pianos/royal-grand-3d
  • emidio
  • Membro: Expert
  • Risp: 2458
  • Loc: Sassari
  • Status:
  • Thanks: 144  

16-03-18 11.36

Il Royal è uno Yamaha S6: errore mio.
  • filigroove
  • Membro: Expert
  • Risp: 2784
  • Loc: Pistoia
  • Status:
  • Thanks: 138  

16-03-18 14.15

@ emidio
Il Royal è uno Yamaha S6: errore mio.
Timbricamente al momento amo il Velvet (Blutner). Sì, ha poco sostegno, ma mi piace moltissimo come risponde alla dinamica (io uso quella che permette di suonare bene il pianissimo introdotta da Nord con un aggiornamento) ed è decente anche mono.
Uso anche l'Italian (Fazioli) dove serve più brillantezza, ha un suono meno dinamico del Royal o del Velvet, ma a volte fa gioco.
Invece non amo il Silver o il Bright che mi sembrano troppo striduli soprattutto se prima ho suonato un timbro di Rhodes.
Trai verticali il Grand Upright (Yamaha U3) non ha particolarmente carattere, potrebbe sembrare quasi un tre quarti, in compenso ha una grande presenza di risonanze che me lo fa preferire a molti e, con la variante XL, ci ho persino registrato. Ah, a proposito, normalmente per l'uso live tendo a preferire i campioni Large, che, proprio perché "stretchati", sono meno particolareggiati ma anche più omogenei.