Vendita spartiti digitali

  • obiwan
  • Membro: Expert
  • Risp: 1014
  • Loc: Siracusa
  • Status:
  • Thanks: 53  

12-02-18 16.20

Salve a tutti,
Ho una gran quantità di trascrizioni più o meno accurate e mi piacerebbe venderle. Come posso fare per farlo in maniera legale e senza violare il copyright? Grazie
  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 6581
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 518  

12-02-18 16.48

@ obiwan
Salve a tutti,
Ho una gran quantità di trascrizioni più o meno accurate e mi piacerebbe venderle. Come posso fare per farlo in maniera legale e senza violare il copyright? Grazie
Intanto vendere materiale digitale... boh, per preservarsi dalla pirateria non sarà né facile e né economico.
Comunque non si può fare lucro con le proprietà degli altri. A livelli piccoli, "occasionali", tutti ci passano su ma se vuoi stare in regola dovrai certamente chiederne l'autorizzazione agli editori.
Ma stiamo parlando di cose grosse, di cose che forse non sono neanche più contemplate, come l'editoria cartacea.
Ai fini fiscali, boh, da chiedere ad un commercialista, ai fini musicali, se il giro è piccolo ed occasionale, non penso che si disturbino per pochi spiccioli anche se gli autori ed editori delle musiche potrebbero avere tutti i motivi per venirti contro.

E' un territorio da sottobosco sicuramente non normativizzato, tipico del caos italiano.

Il principio fondamentale è che non puoi fare lucro indipendente col lavoro degli altri, parlo della musica d'origine, fonte a monte del tuo lavoro e per stare in regola devi chiederne l'autorizzazione ai proprietari dei diritti. Poi fiscalmente è un'altra questione.
  • Dallaluna69
  • Membro: Expert
  • Risp: 1170
  • Loc: Firenze
  • Status:
  • Thanks: 90  

12-02-18 17.23

Comunque "vendere" e "più o meno accurate" non è che vadano benissimo insieme...
Ti suggerirei di vendere solo quelle "più". emo
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 13350
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 1186  

12-02-18 18.26

@ vin_roma
Intanto vendere materiale digitale... boh, per preservarsi dalla pirateria non sarà né facile e né economico.
Comunque non si può fare lucro con le proprietà degli altri. A livelli piccoli, "occasionali", tutti ci passano su ma se vuoi stare in regola dovrai certamente chiederne l'autorizzazione agli editori.
Ma stiamo parlando di cose grosse, di cose che forse non sono neanche più contemplate, come l'editoria cartacea.
Ai fini fiscali, boh, da chiedere ad un commercialista, ai fini musicali, se il giro è piccolo ed occasionale, non penso che si disturbino per pochi spiccioli anche se gli autori ed editori delle musiche potrebbero avere tutti i motivi per venirti contro.

E' un territorio da sottobosco sicuramente non normativizzato, tipico del caos italiano.

Il principio fondamentale è che non puoi fare lucro indipendente col lavoro degli altri, parlo della musica d'origine, fonte a monte del tuo lavoro e per stare in regola devi chiederne l'autorizzazione ai proprietari dei diritti. Poi fiscalmente è un'altra questione.
Quindi anche le trascrizioni stile Real Book rientrano in questa categoria ovvero la Hal Lenoard all'epoca pagó gli autori dei pezzi che fanno parte dei vari Real Book? O quelle di Tino Carugati?

Chiedo perché mi sembra strano che questo criterio si applichi anche alle "trascrizioni" nel momento in cui queste sono frutto del lavoro di chi si é messo li a tirarle giú, realizzando quindi una sua "opera d'ingegno".
  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 6581
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 518  

12-02-18 19.14

maxpiano69 ha scritto:
ovvero la Hal Lenoard all'epoca pagó gli autori dei pezzi che fanno parte dei vari Real Book? O quelle di Tino Carugati?


Non si tratta di pagare gli autori.

Un esempio, che andava bene anni fa: Io, autore e magari anche editore di me stesso, compongo ...10 successi, tie'! Vendo dischi a tonnellate... poi scopro che un tizio stampa gli spartiti delle mie musiche e se le va a vendere e, sulla scia del successo dei brani, fa pure un sacco di soldi. Io che gli devo dire?
Gli faccio: scusa, scrivile da te le canzoni e stampatele che eventualmente, se voglio farne degli spartiti delle mie canzoni ci penso io ...sono mie!
Tutt'al più potrai chiedermi: "visto che tu (io) non hai un catalogo di stampe musicali dei successi discografici, posso proporti, visto che ho una società editrice con tanto di macchinari, di stampartele io così, a basso costo, posso colmare una tua lacuna editoriale e ci facciamo un'affare a mezzi?".

Pur volendo dire che sto "usando l'ingegno" nel fare una trascrizione stai in pratica commercializzando, per tuo profitto, le note di qualcun'altro che se non fossero quelle non ti permetterebbero di realizzare le tue vendite.
Invece arrangiare un brano edito per un CD o per un'esecuzione, con il pagamento dei diritti (SIAE o similari) hai assolto gli oneri di utilizzo anche se, in casi di uso in situazioni importanti, sarebbe meglio averne l'autorizzazione perché il proprietario dell'opera potrebbe sempre contestarne l'uso non consono alle sue aspettative (generalmente non succede mai ma metti che a qualcuno venga in mente di utilizzare le note di "Feeling" per lo spot di un lubrificante anale... se potrebbe pure incaxxx', no?) emo
  • obiwan
  • Membro: Expert
  • Risp: 1014
  • Loc: Siracusa
  • Status:
  • Thanks: 53  

13-02-18 12.09

Ok, il concetto è chiaro. Grazie a tutti emoemo
  • obiwan
  • Membro: Expert
  • Risp: 1014
  • Loc: Siracusa
  • Status:
  • Thanks: 53  

13-02-18 12.12

@ Dallaluna69
Comunque "vendere" e "più o meno accurate" non è che vadano benissimo insieme...
Ti suggerirei di vendere solo quelle "più". emo
Ok...tu cosa intendi per accurato? Soltanto basandoti su una traccia audio sapresti tirare fuori una partitura "accurata"?
  • benjomy
  • Membro: Expert
  • Risp: 2575
  • Loc: Monza
  • Status:
  • Thanks: 48  

13-02-18 13.37

@ obiwan
Ok...tu cosa intendi per accurato? Soltanto basandoti su una traccia audio sapresti tirare fuori una partitura "accurata"?
ACcurato significa una cosa sola. Che la trascrizione sia assolutamente fedele alla musica. Altrimenti non è accurata.
  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 6581
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 518  

13-02-18 14.15

@ benjomy
ACcurato significa una cosa sola. Che la trascrizione sia assolutamente fedele alla musica. Altrimenti non è accurata.
Beh, una partitura non è la linea melodica di una canzoncina
  • benjomy
  • Membro: Expert
  • Risp: 2575
  • Loc: Monza
  • Status:
  • Thanks: 48  

13-02-18 16.16

@ vin_roma
Beh, una partitura non è la linea melodica di una canzoncina
e allora?
se compro una partitura.. che sia una canzoncina o un pezzo per orchestra mi aspetto che sia assolutamente fedele all'originale. altrimenti cosa la compro a fare????
non capisco il tuo ragionamento....
quello che può cambiare è il prezzo.. non l'accuratezza
fra l'altro chi ha parlato di partiture?
  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 6581
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 518  

13-02-18 17.05

@ benjomy
e allora?
se compro una partitura.. che sia una canzoncina o un pezzo per orchestra mi aspetto che sia assolutamente fedele all'originale. altrimenti cosa la compro a fare????
non capisco il tuo ragionamento....
quello che può cambiare è il prezzo.. non l'accuratezza
fra l'altro chi ha parlato di partiture?
Beh, se leggi due/tre post sopra scoprirai la fonte di "partitura". emo

Non confondiamo le cose comunque, la "partitura" è l'insieme di tutte le parti suonate di un determinato brano, non la linea melodica con gli accordi ...questo al massimo si chiama spartito.
Riscrivere una partitura, se è di questo che stiamo parlando, non deve per forza essere fedele al millesimo, anche perché dedurre dal solo ascolto tutte le parti suonate è una bella impresa e, anche se poi tutto comunque suona abbastanza simile all'originale, qualche cosa nelle tessiture te la perdi sempre ma non per questo infici la qualità del lavoro, quindi "abbastanza fedele" ci sta tutto.

  • benjomy
  • Membro: Expert
  • Risp: 2575
  • Loc: Monza
  • Status:
  • Thanks: 48  

13-02-18 17.44

@ vin_roma
Beh, se leggi due/tre post sopra scoprirai la fonte di "partitura". emo

Non confondiamo le cose comunque, la "partitura" è l'insieme di tutte le parti suonate di un determinato brano, non la linea melodica con gli accordi ...questo al massimo si chiama spartito.
Riscrivere una partitura, se è di questo che stiamo parlando, non deve per forza essere fedele al millesimo, anche perché dedurre dal solo ascolto tutte le parti suonate è una bella impresa e, anche se poi tutto comunque suona abbastanza simile all'originale, qualche cosa nelle tessiture te la perdi sempre ma non per questo infici la qualità del lavoro, quindi "abbastanza fedele" ci sta tutto.

si certo.. in questo senso sono d'accordo.
il fatto è che quando cerchi degli spartiti o delle trascrizioni spesso si trovano delle cose che di accurato non hanno nulla.. accordi sbagliati etc...
se parliamo della trascrizione di un brano eseguito al pianoforte direi che la stessa deve avere un alto grado di accuratezza. lo stesso dicasi per una canzone (accordi e melodia).

  • Dallaluna69
  • Membro: Expert
  • Risp: 1170
  • Loc: Firenze
  • Status:
  • Thanks: 90  

13-02-18 17.59

Wow! Non mi aspettavo di scatenare tutte queste reazioni!
La mia era una piccola riflessione: chi compra si aspetta un lavoro professionale, non amatoriale.
Scrivendo "più o meno accurate" non si capisce in quale di queste due fasce ci si va a collocare.
Da qui l'invito a commercializzare solo quelle che ritieni venute particolarmente bene.
Tutto qui emo
  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 6581
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 518  

13-02-18 18.03

Comunque è Obiwan a dover dire che tipo di roba tira giù. Io di queste cose ne faccio tante ma restano nell'ambito privato per esecuzioni live dove poi il pagamento dei diritti d'autore sistema tutto.

Per dirne una: Io scrivo molta roba per orchestra, specialmente musica da film. Morricone non vuole che si esegua la sua musica con l'orchestra ed infatti non ha mai concesso l'affitto delle partiture nonostante gliele abbiano chieste da tutto il mondo ...quindi ognuno se le scrive da se, come può per il solo scopo esecutivo (cioè non si vanno a vendere le partiture) e lui non può dire niente.