EQ su VST orchestrali


18-09-17 12.21

  • artemiasalina
  • Membro: Expert
  • Risp: 1365
  • Loc: Napoli
  • Status: -
  • Thanks: 42  
Salve a tutti,

sono sempre alle prese con il mix dei miei brani e mi è venuto un dubbio importante relativamente ai VST orchestrali.

Secondo voi è necessario un EQ su questi (io uso ad esempio la East West Hollywood Strings)?
E quanto profondo? Semplicemente un Hi/Low-cut?

Quello che mi chiedo, in pratica, è se i VST sono già "trattati" o sono registrazioni abbastanza rozze (passatemi il termine) di strumenti reali?

E, ancora, una EQ non rischia di rompere degli equilibri all'interno del VST stesso?

Spero mi sia spiegato, altrimenti argomento meglio.
Grazie per le risposte.

18-09-17 12.26

  • barbetta57
  • Membro: Guru
  • Risp: 6318
  • Loc: Padova
  • Status: -
  • Thanks: 648  
sono in genere registrazioni trattate con tutti i crismi
può darsi che necessiti equalizzazione, ma io in questo caso non lo farei

18-09-17 12.35

  • artemiasalina
  • Membro: Expert
  • Risp: 1365
  • Loc: Napoli
  • Status: -
  • Thanks: 42  
@ barbetta57
sono in genere registrazioni trattate con tutti i crismi
può darsi che necessiti equalizzazione, ma io in questo caso non lo farei
In linea di massima è quello che penso anche io.
Sto analizzando un mio brano con un amico che sta studiando in maniera molto approfondita la materia e mi ha fatto notare che ci sono parecchie risonanze, frequenze fastidiose etc etc.

Davanti all'evidenza di alcuni fatti, non posso che dargli ragione, anche perchè mi fido. Ma concettualmente ho sempre pensato che i VST siano già, come hai detto, trattati con i crismi. Ho visto decine di video sul web di compositori, anche importanti, che compongono con i VST e non ho mai visto EQ, ma...in realtà tutti i video non trattano proprio la materia. Ovvero, loro si occupano di composizione appunto, non di mix.

18-09-17 12.50

  • akkotyni
  • Membro: Guest
  • Risp: 101
  • Loc: Livorno
  • Status: -
  • Thanks: 4  
@ artemiasalina
In linea di massima è quello che penso anche io.
Sto analizzando un mio brano con un amico che sta studiando in maniera molto approfondita la materia e mi ha fatto notare che ci sono parecchie risonanze, frequenze fastidiose etc etc.

Davanti all'evidenza di alcuni fatti, non posso che dargli ragione, anche perchè mi fido. Ma concettualmente ho sempre pensato che i VST siano già, come hai detto, trattati con i crismi. Ho visto decine di video sul web di compositori, anche importanti, che compongono con i VST e non ho mai visto EQ, ma...in realtà tutti i video non trattano proprio la materia. Ovvero, loro si occupano di composizione appunto, non di mix.
Niente di più errato. Se intendi campioni di librerie sonore orchestrali, queste vengono comunemente e da tanti composers con la C maiuscola, enfatizzate e trattate con i plugins. Proprio per la loro caratteristica di prestarsi alla manipolazione, questi campionamenti necessitano una ritoccata. A ciascuno la propria tecnica e creatività. C'è già una discussione aperta proprio stamani sulla quale stiamo già scambiando opinioni.

18-09-17 12.53

  • artemiasalina
  • Membro: Expert
  • Risp: 1365
  • Loc: Napoli
  • Status: -
  • Thanks: 42  
Non avevo visto il post, o meglio lo avevo visto ma non pensavo trattasse di questo.
Mi sposto anche io lì allora, anche se in realtà, da quello che capito, quando si parla di musica classica o similari, il discorso diventa sempre molto diverso dagli altri generi.

18-09-17 13.08

  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 6292
  • Loc: Roma
  • Status: -
  • Thanks: 465  
Magari le librerie ci dessero campioni rozzi, selvaggi, vivi, da domare e adattare alle esigenze. Son tutti ipertrattati, è più facile adattarsi a loro che modificarli.

18-09-17 13.14

  • akkotyni
  • Membro: Guest
  • Risp: 101
  • Loc: Livorno
  • Status: -
  • Thanks: 4  
@ vin_roma
Magari le librerie ci dessero campioni rozzi, selvaggi, vivi, da domare e adattare alle esigenze. Son tutti ipertrattati, è più facile adattarsi a loro che modificarli.
Se usi quelle di topogigio sicuramente. Prova le Spitfire Audio e le 8Dio poi ne riparliamo. E magari se non con me e se ti va senti altri "più grandi" emo

18-09-17 13.19

  • artemiasalina
  • Membro: Expert
  • Risp: 1365
  • Loc: Napoli
  • Status: -
  • Thanks: 42  
@ akkotyni
Se usi quelle di topogigio sicuramente. Prova le Spitfire Audio e le 8Dio poi ne riparliamo. E magari se non con me e se ti va senti altri "più grandi" emo
Questo ti sembra meno pro di quelle che hai nominato? Giusto per capire cosa intendi:
EWH Strings

18-09-17 13.26

  • akkotyni
  • Membro: Guest
  • Risp: 101
  • Loc: Livorno
  • Status: -
  • Thanks: 4  
@ artemiasalina
Questo ti sembra meno pro di quelle che hai nominato? Giusto per capire cosa intendi:
EWH Strings
Questa che hai tu, immagino, è un'ottima libreria con la quale provare a mettere plugins come eq e preamp. Sono campionamenti a 16bit (la Gold Edition) ho visto. In giro c'è di meglio, campionato a 24bit. Meglio nel senso che c'è più "spessore" di intervento, perché sono stati catturati per essere più ricchi di contenuto, sia nelle armoniche che nei dettagli. Comunque fai le tue prove fino ad ottenere miglioramenti sui campioni. Te lo dico sia per esperienza personale che per puro spirito di condivisione atto a crescere insieme, prendendo spunto dai grandi filmscore composers.

18-09-17 14.59

  • artemiasalina
  • Membro: Expert
  • Risp: 1365
  • Loc: Napoli
  • Status: -
  • Thanks: 42  
@ akkotyni
Questa che hai tu, immagino, è un'ottima libreria con la quale provare a mettere plugins come eq e preamp. Sono campionamenti a 16bit (la Gold Edition) ho visto. In giro c'è di meglio, campionato a 24bit. Meglio nel senso che c'è più "spessore" di intervento, perché sono stati catturati per essere più ricchi di contenuto, sia nelle armoniche che nei dettagli. Comunque fai le tue prove fino ad ottenere miglioramenti sui campioni. Te lo dico sia per esperienza personale che per puro spirito di condivisione atto a crescere insieme, prendendo spunto dai grandi filmscore composers.
Io ho la Diamond, quindi sono campioni a 24bit:

EASTWEST/QUANTUM LEAP announces the debut of its latest release, HOLLYWOOD STRINGS virtual (software) instrument — a collection of 44.1khz 24-bit string instruments with unprecedented control over sound and performance, all supplied on a hard drive (*see conditions below) for ease of installation.

18-09-17 15.06

  • akkotyni
  • Membro: Guest
  • Risp: 101
  • Loc: Livorno
  • Status: -
  • Thanks: 4  
@ artemiasalina
Io ho la Diamond, quindi sono campioni a 24bit:

EASTWEST/QUANTUM LEAP announces the debut of its latest release, HOLLYWOOD STRINGS virtual (software) instrument — a collection of 44.1khz 24-bit string instruments with unprecedented control over sound and performance, all supplied on a hard drive (*see conditions below) for ease of installation.
Ah! Meglio! emo scusa avevo capito male

18-09-17 15.07

  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 6292
  • Loc: Roma
  • Status: -
  • Thanks: 465  
@ akkotyni
Se usi quelle di topogigio sicuramente. Prova le Spitfire Audio e le 8Dio poi ne riparliamo. E magari se non con me e se ti va senti altri "più grandi" emo
Di Topolinia sarai tu se sei abituato a trattare così i commenti. Intanto posso dirti che ho la EW Platinum a 24 bit e molte sezioni della Vienna, poi devo dirti che sul suono archi "serio" un po' me ne intendo visto che ho lavorato con importanti sinfoniche italiane e straniere, ho arrangiato e diretto archi per diversi film, ne ho scritti e registrati per incisioni discografiche, ho avuto a che fare con solisti di prim'ordine, con quartetti, da camera... Già tantissimi anni fa adottavo il sistema (economico) di sovrapporre alle parti campionate pochi archi, ma buoni, per la fluidità delle arcate... Insomma, se dico che tutte le librerie, e ne conosco, non offrono quel suono grezzo, generoso, che puoi plasmare ma, per esigenze certamente di marketing, li offrono già puliti, compressi ed uniformati, buoni subito insomma, per un utilizzo senza problemi, può essere che un po' ragione ce l'ho. Se poi sei abituato solo ai suoni di plastica, di cui tutti oramai ci nutriamo, è ovvio che hai dei paragoni limitati.

18-09-17 15.46

  • akkotyni
  • Membro: Guest
  • Risp: 101
  • Loc: Livorno
  • Status: -
  • Thanks: 4  
@ vin_roma
Di Topolinia sarai tu se sei abituato a trattare così i commenti. Intanto posso dirti che ho la EW Platinum a 24 bit e molte sezioni della Vienna, poi devo dirti che sul suono archi "serio" un po' me ne intendo visto che ho lavorato con importanti sinfoniche italiane e straniere, ho arrangiato e diretto archi per diversi film, ne ho scritti e registrati per incisioni discografiche, ho avuto a che fare con solisti di prim'ordine, con quartetti, da camera... Già tantissimi anni fa adottavo il sistema (economico) di sovrapporre alle parti campionate pochi archi, ma buoni, per la fluidità delle arcate... Insomma, se dico che tutte le librerie, e ne conosco, non offrono quel suono grezzo, generoso, che puoi plasmare ma, per esigenze certamente di marketing, li offrono già puliti, compressi ed uniformati, buoni subito insomma, per un utilizzo senza problemi, può essere che un po' ragione ce l'ho. Se poi sei abituato solo ai suoni di plastica, di cui tutti oramai ci nutriamo, è ovvio che hai dei paragoni limitati.
"esigenze di marketing", "utilizzo senza problemi", "paragoni limitati"...
Allora d'accordo, tu sei l'esperto e io faccio uso di suoni di plastica.
Fai buon lavoro, caro.

18-09-17 16.03

  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 6292
  • Loc: Roma
  • Status: -
  • Thanks: 465  
akkotyni ha scritto:
Fai buon lavoro, caro.

Se ci spieghi cosa fai e magari ci mostri un tuo lavoro potremmo comprendere meglio quello che comunemente è visto sotto altra luce.

18-09-17 16.50

  • akkotyni
  • Membro: Guest
  • Risp: 101
  • Loc: Livorno
  • Status: -
  • Thanks: 4  
@ vin_roma
akkotyni ha scritto:
Fai buon lavoro, caro.

Se ci spieghi cosa fai e magari ci mostri un tuo lavoro potremmo comprendere meglio quello che comunemente è visto sotto altra luce.
Io non vedo sotto altre luci. Prendo per buona l'onesta intellettuale di chi scrive qua. E adesso su quanto hai scritto tu, su quanto fai ed hai fatto professionalmente.
Ti rispetto con piacere ma non condivido la tua opinione sulla qualità delle librerie. Stiamo a parlare di archi digitali, di plastica come dici tu e di topogigio come dico io. Sono convinto che con quello che abbiamo a disposizione oggi si possa fare anche a meno di orchestre vere, quando si tratta di questione di costi, di budget del committente. Abbiamo una qualità alta. Musiche orchestrali digitali sparate sul grande schermo, vengono bevute dal 95% degli spettatori. Hans Zimmer alimenta film a suon di Spitfire Audio.
Perché il suo genere si sposa bene con ciò che ha a disposizione. Sai benissimo quanto materiale gli mancherebbe se disponesse "soltanto" di 100 elementi umani...senza 1 computer.
Poi cosa io faccia non sono interessato a pubblicarlo, Non ho da dimostrare la mia professionalità qua. Piuttosto, al massimo preferisco lasciarmi leggere attraverso le righe. Come hai fatto tu, come fanno gli altri qua. Ma senza vanto, ne onori, in quanto la musica è condivisione universale. Pertanto una mia opera a te potrebbe fare cagare e viceversa. Ovviamente ho appena detto un iperbole, ma sono certo che hai capito il senso per cui te lo dico.
Il mio augurio di buon lavoro anche a te è sincero.
emo

18-09-17 17.30

  • zerinovic
  • Membro: Expert
  • Risp: 2985
  • Loc: Grosseto
  • Status: -
  • Thanks: 104  
Ho una libreria piuttosto vecchia della East west, (colossus) effettivamente suonano cosi bene che a livello di eq, non l'ho mai toccate.
Cosi come altre della magix (samplitude)
In mix molto pieni di roba, tipo metal alla evanescenze,può capitare di esaltarne o assopire qualche frequenza, dipende molto anche dalle intenzioni...

18-09-17 20.35

  • sterky
  • Membro: Expert
  • Risp: 3660
  • Loc: Trento
  • Status: -
  • Thanks: 149  
Dipende cosa si fa. Cioè se mi lavori con una sinfonia con I II e III strumento per pgni sezione allora è meglio ritoccare con un eq per fare in modo da lasciare lo spazio giusto ad ogni strumento.
Se invece usi un ensemble, accordi linghi sotto e una linea sopra, allora non toccare niente....

Mio parere...

18-09-17 21.42

  • Arci66
  • Membro: Senior
  • Risp: 958
  • Loc: Roma
  • Status: -
  • Thanks: 20  
akkotyni ha scritto:
Sono convinto che con quello che abbiamo a disposizione oggi si possa fare anche a meno di orchestre vere

Sei rimasto un pelo indietro nello sviluppo, Questo signore ti può registrare la colonna sonora in un passaggio con tutta l'orchestra, anche mentre guarda il film così risparmiano sul synchro emo
Sto pensando al casinò che farei io con tutti quei pedali...senza pensare pure alle mani sennò mi deprimoemo

18-09-17 22.02

  • akkotyni
  • Membro: Guest
  • Risp: 101
  • Loc: Livorno
  • Status: -
  • Thanks: 4  
@ Arci66
akkotyni ha scritto:
Sono convinto che con quello che abbiamo a disposizione oggi si possa fare anche a meno di orchestre vere

Sei rimasto un pelo indietro nello sviluppo, Questo signore ti può registrare la colonna sonora in un passaggio con tutta l'orchestra, anche mentre guarda il film così risparmiano sul synchro emo
Sto pensando al casinò che farei io con tutti quei pedali...senza pensare pure alle mani sennò mi deprimoemo
Sei rimasto indietro te caro arci, perché se vai avanti in quello che ho scritto parlo di money....
Non isolare frasi mie per tuo comodo.
E comunque è un vecchio filmato che conosciamo già.

18-09-17 23.29

  • Arci66
  • Membro: Senior
  • Risp: 958
  • Loc: Roma
  • Status: -
  • Thanks: 20  
@ akkotyni
Sei rimasto indietro te caro arci, perché se vai avanti in quello che ho scritto parlo di money....
Non isolare frasi mie per tuo comodo.
E comunque è un vecchio filmato che conosciamo già.
Hai usato un congiuntivo, quindi esprimevi un opinione.
Non stavo isolando frasi a comodo ma evidenziando il fatto che si fa, è un fatto consolidato.
E che, chi era partito già avanti, il grande Vangelis, oggi possa essere più avanti di te, stavolta lo uso io il congiuntivo magari sei migliore del vecchio greco.
Riguardo il filmato, se qualcuno non lo conosceva ora se lo può godere.